Senza titolo-1

Finalmente anche in Italia si sta investendo su progetti di alternanza scuola/lavoro. Come abbiamo già detto sulle colonne di questa testata, la pratica è ampiamente diffusa all’estero ma nel nostro Paese non è mai riuscita a decollare. Un’istruzione che unisca nozioni teoriche ad aspetti decisamente più pratici è ormai un fattore irrinunciabile per la formazione della professionalità dei giovani, fin dalle scuole medie superiori.

La riforma del lavoro promette quindi grandi cambiamenti: se da una parte si prospetta un potenziamento delle ore di training on the job all’interno degli istituti tecnici e professionali (che passeranno dalle 90 attuali a ben 400), dall’altra si offrirà la possibilità di svolgere questo tipo di esperienza anche nei licei (con almeno 200 ore previste). Un’ulteriore novità è l’introduzione della possibilità di effettuare stage anche in musei, istituti pubblici e privati attivi nelle attività artistiche e ambientali e perfino in organizzazioni sportive riconosciute dal Coni.

Certamente un progetto di questo tipo è quanto mai ambizioso e servono forti finanziamenti. Attualmente il governo ha messo a disposizione  20 milioni di euro da utilizzare nel 2015 e si prevedono 100 milioni all’anno a partire dal 2016. È prevista inoltre le creazione di una “Carta dei diritti e dei doveri” degli studenti che parteciperanno ai tirocini formativi, al fine di valorizzare al massimo l’esperienza anche dal punto di vista dell’efficacia didattica.

La sfida vera e propria coinciderà con l’inizio dell’anno scolastico: tra problematiche legate alle assunzioni degli insegnati e la sempre maggior scarsità di risorse per gli istituti non sarà scontato riscontrare concreti passi avanti anche per quanto riguarda l’alternanza scuola/lavoro.

Marina Verderajme – © Riproduzione riservata

Marina Verderajme è Presidente di ACTL, Associazione di Promozione Sociale, accreditata dalla Regione Lombardia e dalla Regione Siciliana per i servizi per il lavoro e certificata Iso 9001. Opera nel mondo del lavoro e dello stage attraverso www.sportellostage.it e Recruit, società di ricerca e selezione per profili giovani