Il counseling orientativo: un servizio di orientamento alla scelta scolastica, universitaria e/o professionale

Di fronte a un’offerta formativa sempre più frastagliata e alla crescente complessità del mercato del lavoro fare la scelta giusta per il proprio futuro non è un passo banale.

Ne abbiamo parlato con Elena Rastelli, esperta di counseling, che opera, in qualità di Career & Education counselor dal 1994, prima negli Stati Uniti presso il Career Services Center della Boston University a Boston e poi in Italia.

Cos’è’ il Counseling Orientativo?
E’ un servizio volto a sostenere ed aiutare il singolo individuo in difficoltà (e la relativa famiglia) nel compiere la propria scelta scolastica, universitaria e/o professionale, dall’individuazione della facoltà e dell’ateneo (e poi Italia o estero?) ad un’eventuale alternativa professionale.

In cosa consiste e a cosa serve?
Il servizio consiste in un percorso di guida ed aiuto individuale, centrato sulla persona, in cui il giovane viene facilitato nell’acquisire tecniche di career making decision process, attraverso:

1. la consapevolezza e la conoscenza di sé, attraverso l’analisi delle caratteristiche di sé, quali:

  • interessi  scolastici e/o professionali. L’interesse è l’attrazione provata o manifestata a livello emotivo- intellettivo per una data area di attività.
  • valori. Il valore è il riflesso dei propri bisogni, la spinta determinante dei propri comportamenti, atteggiamenti e scelte in generale
  • capacità. Le capacità sono le attitudini, cioè le abilità innate fisiche, motorie, sensoriali e psichiche e le competenze, cioè le capacità agite, in quante acquisite attraverso l’esperienza e nel tempo.
  • personalità. La personalità è il complesso dinamico delle caratteristiche psicofisiche, innate o acquisite di natura intellettiva, affettiva e motivazionale.

2. la conoscenza e l’esplorazione del mondo universitario e lavorativo

3. la definizione di un conseguente Piano di Azione per rendere concreta la scelta scolastica/accademica/professionale individuata.

4. Il servizio di orientamento scolastico/professionale ha una connotazione fortemente formativa.

Prevede un percorso con una metodologia prestabilita?
Il servizio si fonda sulla relazione di aiuto propria dell’Education & Career counseling, di breve durata e centrata sulla persona.
La figura esperta di Education & Career counseling, volta a guidare l’individuo nel proprio percorso di scelta, coniuga competenze di counseling centrato sulla persona con conoscenze in merito alle prospettive professionali dei diversi ambiti lavorativi e al tempo stesso delle strutture e possibilità  di inserimento nel mondo universitario in Italia ed in generale nei paesi occidentali.


Quanto dura e come si articola il percorso di counseling orientativo?
Il servizio comprende un ciclo di almeno 3/4 incontri della durata di 1 ora circa.
Nella prima sessione si condividono e si stabiliscono:

  • il bisogno ed il conseguente obiettivo da raggiungere
  • il numero di incontri occorrenti (il percorso è comunque breve)
  • gli strumenti e le tecniche da utilizzarsi rispetto all’obiettivo individuato.

A chi si rivolge? E quando è utile ricorrrervi?
Si rivolge a persone di qualsiasi età ed in qualsiasi momento della propria vita. In particolare si rivolge a:

  • studenti della scuola media superiore (meglio se al penultimo anno di frequentazione di scuola media superiore per disporre di più tempo per maturare la propria scelta orientativa e per svolgere, se possibile, il breve stage estivo nell’estate precedente all’ultimo ann0
  • studenti universitari incerti e titubanti della scelta di facoltà intrapresa e che desiderano un supporto per un’eventuale ridefinizione del proprio piano alternativo di formazione accademica
  • laureandi e neolaureati alla ricerca di un supporto e/o confronto sulle scelte successive
  • studenti e/o professionisti alla ricerca di un metodo per procedere nella scelta e che pertanto desiderino anche approfondire gli sviluppi, le conseguenze e le motivazioni sottesi alle scelte.
  • giovani o meno giovani che intendono entrare (o rientrare) nel mondo del lavoro o che vi siano entrati e che, a fronte di aspettative disattese, desiderino approfondire una maggior conoscenza di sé e del mercato del lavoro e delle opportunità di crescita.
  • profili Senior: persone di esperienza lavorativa che desiderino o necessitino affrontare un cambiamento professionale. In tal caso trattasi di un servizio di guida ed orientamento al mercato del lavoro.


Può essere considerato un servizio rivolto alla singola persona o anche ad un gruppo?
Per essere efficace, l’intervento è rivolto alla singola persona che lavora su sé stessa per cogliere le proprie caratteristiche e poter maturare e definire in piena autonomia il proprio obiettivo orientativo.
Il gruppo di coetanei o di persone con le quali condividere le difficoltà o i limiti incontrati nel proprio cammino di scelta ed aiutarsi vicendevolmente è sempre auspicabile, ma richiede una struttura organizzativa che lo possa anzitutto costituire. Il gruppo si aggiunge e non sostituisce il lavoro del singolo con l’esperto che è al centro del servizio di counseling orientativo.

SportelloStage.it/NEWS – APPRENDISTATO – LAVORO – FORMAZIONE – © Riproduzione riservata

By | 2016-10-17T16:26:41+00:00 08, 11, 2015|News|

About the Author:

Simone Pivotto

Simone Pivotto si occupa per ACTL di marketing e comunicazione. Da sempre appassionato di nuovi media, opera come formatore in ambito social media marketing. Coniuga il mondo del digital con quello delle risorse umane lavorando all’inserimento dei profili più giovani nel mondo delle professioni digitali.