Le opportunità del progetto Green Jobs

I dati parlano chiaro: sono oltre 350 mila le aziende appartenenti ai settori industria e servizi che dal 2008 stanno investendo nelle tecnologie “pulite” per ridurre l’impatto ambientale del proprio lavoro e ottimizzare al meglio le risorse, rispettando nel contempo la natura e limitando le emissioni dannose.

Si tratta di un primato di cui l’Italia può andare fiera: la green economy ha prodotto negli anni un indotto di ben 102 miliardi di euro per un totale di quasi 3 milioni di posti di lavoro.
Questi sono i dati emersi dal rapporto GreenItaly 2015 di Fondazione Symbola e Unioncamere, promosso in collaborazione con il Conai. Secondo lo studio il 13% della forza lavoro presente nel nostro Paese riveste posizioni attinenti all’ambito “green”, e la cifra è destinata a salire.

In questo trend si inserisce Green Jobs, l’iniziativa di Fondazione Cariplo, realizzato da ACTL , con il supporto di Assolombarda Confindustria Milano Monza Brianza, Camera di Commercio di Milano, Confcommercio Milano – Lodi – Monza e Brianza.

Il progetto prevede l’attivazione gratuita di 150 tirocini in Lombardia e nelle province di Novara e Verbano-Cusio-Ossola e punta all’inserimento lavorativo dei giovani con formazione o esperienze legate alla sostenibilità ambientale.

La partecipazione all’iniziativa è gratuita e include la selezione di laureati e diplomati ITS fino ai 29 anni, l’avviamento e la copertura parziale dell’indennità di tirocinio attraverso il programma Garanzia Giovani, promosso da Regione Lombardia, che offre agevolazioni per l’inserimento lavorativo dei disoccupati e inoccupati.

“Con il servizio Sportello Stage, ACTL è quotidianamente impegnata nel matching tra giovani e aziende per creare opportunità di stage in tutti i settori –  spiega Marina Verderajme, presidente di ACTL – con il progetto Green Jobs offriamo alle aziende l’opportunità di inserire giovani brillanti e contestualmente testimoniarne l’impegno nella tutela dell’ambiente”.