Il progetto “Garanzia Giovani” continua a gonfie vele, sono state infatti esaurite le risorse, pari a 50 milioni di euro, che erano state stanziate per il programma. Ma altri fondi per garanzie giovani sono stati integrati grazie ad altri 20 milioni di euro per implementare la dotazione finanziaria con lo scopo di consentire l’assunzione di oltre 2.200 giovani.

Il “Super-Bonus occupazionale trasformazione tirocini” rientra tra le iniziative promosse dal Ministero del Lavoro che hanno dato avvio alla “seconda fase” di Garanzia Giovani, con l’obiettivo di aumentare ulteriormente le opportunità offerte ai giovani iscritti promuovendone o l’assunzione a tempo indeterminato oppure con contratto di apprendistato professionalizzante al termine della loro esperienza con Garanzia Giovani.

Rinnovati anche gli incentivi per le impresi aderenti al programma, che vanno da 3.000 a 12.000 euro per ogni giovane assunto con contratto a tempo indeterminato o con apprendistato. Il Ministero, inoltre ha annunciato che sono stati attivati fino a ora 5.412 contratti di lavoro grazie al “Super Bonus Occupazionale trasformazione tirocini”, di cui 2.020 contratti a tempo indeterminato e 3.392 contratti di apprendistato professionalizzante.

Risultati positivi anche dal punto di vista dell’impatto di genere: il Ministero del Lavoro evidenzia un sostanziale equilibrio infatti, dei complessivi 5.412 contratti attivati, 2.700 sono contratti di assunzione di giovani donne e 2.712 si riferiscono all’assunzione di giovani uomini.

Per quanto riguarda la prosecuzione del Piano il Ministro Poletti ha confermato che il premier Renzi e il presidente francese Hollande alla fine dell’incontro bilaterale di Venezia hanno chiesto 20 miliardi di euro di rifinanziamento per Garanzia giovani fino al 2020.