Start-up innovative: superata quota 7.000

Cresce la voglia di fare impresa in Italia, stando agli incoraggianti numeri registrati con riferimento all’avvio di startup innovative che al 30 giugno 2017 avevano superato la quota di 7.000 attività iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese. A rivelarlo è l’ultima edizione del Report Ministero Sviluppo Economico-InfoCamere relativa al secondo trimestre del 2017, pubblicata sul sito Startup.RegistroImprese.it e realizzata in collaborazione con UnionCamere.

Il numero di startup innovative in Italia al 30 giugno è pari a 7.394, in aumento di 514 unità rispetto alla fine di marzo (+7,5%). In termini sia assoluti che percentuali, si tratta di una crescita ben maggiore rispetto a quella registrata nel precedente trimestre (+135 unità, +2%), quando la sezione speciale aveva fatto registrare una prima, consistente fuoriuscita di startup diventate “mature”.

Il capitale sociale delle startup è pari complessivamente a 373,6 milioni di euro, in media 50.519 euro a impresa.

Il 70,6% delle startup innovative fornisce servizi alle imprese, il 19,6% opera nei settori dell’industria in senso stretto (su tutti: fabbricazione di macchinari, 3,6%; fabbricazione di computer e prodotti elettronici e ottici, 3,4%; fabbricazione di apparecchiature elettriche, 2%), mentre il 4% opera nel commercio.

Le startup innovative con una prevalenza femminile sono 991, il 13,4% del totale, contro un’incidenza del 17% se si prende in esame l’universo delle società di capitali. Le startup innovative in cui almeno una donna è presente nella compagine sociale sono 3.175.

Le startup innovative a prevalenza giovanile (under 35) sono 1.596, il 21,2% del totale, una quota più di tre volte superiore rispetto a quella rilevata tra le altre società di capitali.

Analizzando la distribuzione geografica del fenomeno in valore assoluto la Lombardia rimane la regione in cui è localizzato il maggior numero di startup innovative: 1.694, pari al 22,9% del totale nazionale. Seguono l’Emilia-Romagna con 808 (10,9%), il Lazio con 719 (9,7%), il Veneto con 637 (8,6%) e la Campania, prima regione del Mezzogiorno con 547 (7,4%). In coda alla classifica figurano la Basilicata con 56, il Molise con 27 e la Valle d’Aosta con 15 startup innovative.

By | 2017-08-04T14:12:22+00:00 28, 07, 2017|News|

About the Author:

Simone Pivotto
Simone Pivotto si occupa per ACTL di marketing e comunicazione. Da sempre appassionato di nuovi media, opera come formatore in ambito social media marketing. Coniuga il mondo del digital con quello delle risorse umane lavorando all’inserimento dei profili più giovani nel mondo delle professioni digitali.